Le macère

Per il dizionario di italiano “Zanichelli 2014” macèra (o macèria) è un termine con cui si definiva “un muricciòlo di sassi sistemati a secco per...

571 0

Per il dizionario di italiano “Zanichelli 2014” macèra (o macèria) è un termine con cui si definiva “un muricciòlo di sassi sistemati a secco per sostenere terrapieni o separare campi“. In molte regioni d’Italia questa modalità costruttiva che utilizza, quasi senza modificarli, semplici materiali da costruzione reperibili in loco, ha consentito di guadagnare all’uso agricolo vaste aree un tempo incolte e poco fruttifere.

Ultimo terrazzamento a monte di un uliveto: a sinistra il muro a secco rimasto incompleto
Ultimo terrazzamento a monte di un uliveto: a sinistra il muro a secco rimasto incompleto

L’innalzamento di muri a secco interrompeva l’acclività di zone collinari o montane e generava terrazzamenti livellati. L’impresa consentiva di dissodare il terreno separandone la sterile frazione rocciosa e di preservare dal dilavamento la parte di suolo più terrosa e fertile. Essendo permeabili all’acqua, i muri a secco assicurano un ottimo drenaggio nei periodi piovosi; sotto questo aspetto costituiscono forse la migliore risposta alle criticità di tipo idrogeologico connesse alle precipitazioni intense. Al tempo stesso, per mezzo dei loro interstizi, questi muri conservano più a lungo l’umidità del terreno utile alla vegetazione.

Terrazzamenti con "macère" alle pendice del Monte Maio (Coreno Ausonio, FR)
Terrazzamenti per mezzo di “macère” alle pendice del Monte Maio (Coreno Ausonio, FR)

Grazie alle “macere” è stato possibile mettere a dimora alberi (tipicamente uliveti) su versanti dal substrato scarso e dal clima poco favorevole. Secondo l’aforista britannico Samuel Johnson “le grandi opere non si compiono con la forza, ma con la perseveranza“. E’ il caso delle macère. La certosina e sapiente opera di generazioni di contadini ha consentito ai nostri avi di migliorare il microclima dei luoghi in cui vivevano e di trarre sostentamento dalla trasformazione di interi paesaggi. Territori che, con la realizzazione di vari altri manufatti in pietra (case, casupole, stazzi, aie, mulattiere, scalinate, pozzi, abbeveratoi, canali per l’acqua meteorica), sono diventati veri e propri giardini diffusi.

I terrazzamenti, assieme alle altre opere in pietra a secco, sono il frutto di un lavoro portato avanti con non poco sforzo manuale nel corso di molti secoli. Di quella determinazione alimentata dalla povertà e dall’incremento demografico, oggi ci resta un prezioso patrimonio culturale, reso più suggestivo dall’utilizzo di un materiale durevole e naturale come la pietra. Dal punto di vista litologico la pietra varia molto da luogo a luogo (per composizione chimica, pezzatura, divisibilità, aspetto, colore). Per questo in ogni ambito territoriale si sono consolidate esperienze, materiali e tecniche che sono diventate espressioni paesaggistiche, oltre che antropologiche, peculiari di ciascuna zona. Comunque, in ogni luogo d’Italia e del mondo, la pietra si contraddistingue sempre per la capacità di armonizzarsi col contesto, “invecchiare” e diventare  testimonianza, forte e insostituibile, di uomini e civiltà che ci hanno preceduto.

Muro a secco compatto, ingrigito ma di recente realizzazione.
Muro a secco di recente realizzazione, molto compatto.
.

In this article

Join the Conversation